Jihad tra militazione e condivisione

Jihad tra militazione e condivisione

Per jihad si intende la Guerra Santa nella traduzione occidentale. Il termine diverrà sinonimo di azione militare accompagnata dal fondamentalismo religioso per la creazione dell’istituzione islamica. Jihad racchiude il significato di “sforzo su di se sulla via di Dio” e di “combattimento per Dio” dove è accettata la spada per la difesa della religione da attacchi esterni o condotte empie degli stessi governanti e cittadini a costo del martirio ritenuto un grande onore, in quanto chi perde la vita nel jihad diviene uno shahid raggiungendo il più alto livello del Paradiso.

Il termine radicalizzazione viene usato nelle scienze sociali per descrivere il processo secondo cui un individuo o un gruppo attua azioni estreme per una convinzione ideologica di tipo politica, sociale o religiosa. Le attente posizioni sociologiche, antropologiche e psicologiche intendono il termine “radicalizzazione” come una via per definire quegli atteggiamenti e motivazioni che spingono un popolo ad agire in uno stato di militanza. Una visione che rispetta la filosofia weberiana e una chiave efficace per la comprensione dei mutamenti che avvengono nella società. Giovani europei che si riconvertono o che rifiutano i modelli occidentali (dall’abbigliamento, al cibo, alla politica e tradizioni culturali), forme che vengono definite jahili indicate come un dis-valore comunitario e che, attraverso il cambio di rotta può condurre alla hijia, l’egira interiore. Ne consegue la perdita delle tradizioni precedenti per abbracciare lo Stato Islamico. Una ideologia del rifiuto per sfuggire alla doppia esclusione, giovani nel mezzo tra paese d’origine e famiglie straniere di appartenenza assieme a una posizione di denuncia sociale verso forme di esclusione e pregiudizio.

Una morte strutturale, una battaglia interiore che richiede un taglio col passato per i giovani jihadisti entrando a far parte della “società dei militanti” basata sul senso di condivisione e di fratellanza nel gruppo dei pari.

LIBRI CONSIGLIATI:

Write a comment
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare. View more
Accept