Watly la tecnologia come aiuto umanitario

Watly la tecnologia come aiuto umanitario

Parliamo del primo computer termodinamico nato per migliorare le condizioni di vita dei popoli in difficoltà è l’obiettivo della startup italo-spagnola, si tratta di una macchina che mette insieme molte tecnologie esistenti per dare acqua potabile, energia e internet anche ai paesi più poveri, sfruttando l’energia solare. Principalmente questa tecnologia si basa su un sistema di distillazione a compressione di vapore, riscaldare l’acqua e avere in qualsiasi condizione acqua non contaminata.

Nella parte centrale è caratterizzata da pannelli fotovoltaici per alimentare l’elettronica interna della macchina e per ricaricare molti dispositivi facilmente collegabili al computer termodinamico quali cellulari, tablet e ricaricare veicoli elettrici. Una delle più piccole macchine è stata installata nel villaggio ghanese di Abenta, dove una tecnologia del genere potrebbe risolvere molti problemi dei paesi africani. Un’altra implementazione è quella del controllo della navigazione automatica di droni che avrebbero una base di ricarica sul tetto del computer, fare controlli o portare importanti medicine. Il completamento del primo Watly è previsto entro la fine del 2016.

Write a comment
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare. View more
Accept